Tag Archive

Spiaggia Santa Teresa, quando l’arbitro ignora il rigore per… Fifa

Pubblicato in 23 gennaio 2012 da Redazione
Il sovrintendente Gennaro Miccio

Il sovrintendente Gennaro Miccio

Un bel cartellino rosso per Miccio

Un bel cartellino rosso per Miccio

PORTA NOVA

Di Gerardo Malangone (arch)

Naturalmente, pure quelli di Porta si sono rallegrati per l’iniziativa dell’Ordine degli Architetti di Salerno di affidare alle pagine de “La Cittá” un inedito racconto a puntate sulle “Piazze salernitane”. Ma il fatto che alla fine ne sia stata decantata una che non solo ancora non c’è ma ha diviso gli arch e i cives e scomodato i Tar, cioè quella del Crescent a S.Teresa, li ha spinti ai seguenti quiz seri.

1) Certi progetti, che dire discussi è poco, non meriterebbero racconti in par condicio?

2) Non era più giusto che, all’incontrario di come è successo, la Presidentessa-Architetti raccontasse la vecchia S.Teresa e il Soprintendente-BAP la Nuova? Avrebbe potuto, egli, fra l’altro, por rimedio pure all’afasia del suo predecessore Zampino sul Crescent, lasciato nelle nebbie dopo una vacatio estiva con silenzio-assenso incorporato. Invece no, pur’egli s’è cimentato con chiancarelle e simili, dopo aver avvertito che la via della nostalgia “non conduce da nessuna parte”.

Ora, se certe partite si giocassero solo fra Nostalgia e Neofilia e l’esito dipendesse dalle maggiori virtù dell’una o dell’altra, ai Salernitani potrebbe bastare di interrogare il loro Soprintendente-BAP (anche solo in punta di penna teorica) sulle virtù della seconda in un caso del genere; inquadrate, però, nel contesto normo-culturale avverso a Spreco e/o Cancellazione di risorse (suolo, ambiente, edifici, scenari urbani) “non” riproducibili: che sono i vizi opposti dell’Inerzia nostalgica.

Invece, la partita è fra Trasformazione e Manomissione: dove la prima è intesa come creativa modifica urbanistico-architettonica debitamente motivata; e la seconda come sostituzione brutal-speculativa, ancorché elargita in fascinosa veste igienico-modernista.

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Sul Crescent c’è lo Zampino del neo pensionato Soprintendente

Pubblicato in 1 ottobre 2010 da Redazione
zampino giuseppe

Giuseppe Zampino ex Soprintendente di Salerno

DAL PUA AL CRESCENT: COME NASCE UN SILENZIO ASSENSO

“Io vi ho fatto vedere cose che voi salernitani non potevate immaginare…

Platani secolari segati brutalmente per essere sostituiti da scopilli di palme…
E vi ho fatto vedere la Spiaggia di Santa Teresa martorizzata da colate e colate di cemento della Libertà….
E paesaggi storici oscurati dal muraglione Crescent

E tutti questi danni ambientali…causati dal mio silenzio assenso…
non andranno perduti come… lacrime… nella pioggia…

È tempo… di andare in pensione”.

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare