Tag Archive

Il Tar della Libertà: riammessa ai lavori della piazza ditta “segnalata” dalla Dia

Pubblicato in 14 novembre 2011 da Redazione
Il mega catiere della Libertà

Il mega catiere della Libertà

La Direzione investigativa antimafia riteneva che ci fossero collegamenti con i camorristi dell’Agro, ma la Mar.Sal vince il ricorso

di Angela Cappetta (Corriere del Mezzogiorno, leggi)

Il Tar di Salerno «sconfessa» le indagini della Dia. E la società Mar.Sal di Pagani, a cui l’anno scorso il Comune di Salerno revocò il sub appalto per la fornitura di calcestruzzo a piazza della Libertà, ne ha la meglio. La sentenza del 23 giugno scorso della prima sezione ha annullato la determina comunale, il provvedimento prefettizio di revoca dell’interdittiva antimafia e tutti gli atti predisposti dalla Direzione investigativa antimafia che avrebbero ricostruito presunti collegamenti tra l’impresa di Pagani e la ditta Torretta Cave di Francesco Marrazzo.

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Salerno, Luci d’artista 2051: attesi 20 milioni di turisti per il Cantiere Incantato

Pubblicato in 4 novembre 2011 da Redazione
Il Re Solae, Bicienzo I° Lo Straordinario

foto montaggio di Beppe Serrelli, tratto da facebook

4 novembre – Programma cittadino Luci d’artista 2051

Ore 10.00 – Inaugurazione della Cappella del Crescent, disegnata dall’ologramma di Bofil. Ostensione pubblica dei sacri resti di Bicienzo I° Lo Straordinario: avanzi accuratamente differenziati, da un pool di esperti di Salerno Pulita, in appositi loculi per l’organico ed il bituminoso. Accensione solenne del Lumino d’artista nella cripta, tutta realizzata in cemento armato purissimo.

Ore 11.00 – Proiezione del nuovo documentario dell’Istituto The Lux  dal titolo “Luci d’artista, 40 anni di palle di Natale ”….(continua)

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Vandali all’assalto di Salerno, Sergio Rizzo: “Salernitani meritate di meglio”

Pubblicato in 31 ottobre 2011 da Redazione
Il nuovo libro denuncia

Il nuovo libro denuncia

Gli autori Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella

Gli autori Sergio Rizzo e Gian Antonio Stella

“ERA UNA CITTA’ PIU’ BELLA, ORA SEMBRA LAS VEGAS

Gian Antonio Stella (leggi) e Sergio Rizzo (leggi) non hanno  certo bisogno di presentazioni: da anni i loro libri denuncia sui privilegi della Casta e sulla devastazione del territorio italiano sono letti da milioni di cittadini.

Lo scorso mese di luglio Sergio Rizzo, di passaggio a Paestum per presentare l’ultimo lavoro realizzato con Stella, «Vandali- L’assalto alle bellezze d’Italia», ha rilasciato al Corriere del Mezzogiorno, Edizione Napoli, un’intervista davvero interessante , segnalataci da un nostro lettore. A precisa domanda su Salerno come possibile città delle grandi architetture, la risposta del giornalista è stata tombale sulle aspirazioni di “grandeur”, con i soldi dei contribuenti, naturalmente, di chi ci amministra da un ventennio.

«Io penso che i salernitani meritino di meglio – non ha dubbi Sergio Rizzo -. È un posto talmente bello, per esempio guardiamoci intorno ora, nessuno ha queste meraviglie.

Ecco, noi che abbiamo tutto ciò non possiamo permetterci di fare quello che ho visto oggi sul litorale, gli alberghi che sembrano fatti a Las Vegas, oppure scheletri di cemento, i palazzoni di Salerno, allucinanti. A un certo punto uscendo dall’autostrada c’è sulla destra la collina che stanno cementificando completamente, e io mi domando a cosa serva tutto questo, chi ci andrà ad abitare? Case a destra e sinistra con la scritta “vendesi”, che però sono vuote, nessuno se le compra».

Alberghi che sembrano Las Vegas e palazzoni allucinanti, ogni riferimento a Vela e  Crescent non è assolutamente casuale…

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Grandi opere Salerno, la Gomorra’s List di Morrone:”Infiltrazioni sostanziose”

Pubblicato in 24 ottobre 2011 da Redazione
Fausto Morrone

Fausto Morrone

Ho osservato un lungo periodo di riflessione e di astinenza dalla politica, convinto, come sono, che le pause sono salutari e che smuovono anche nuove energie animate da giusto senso critico.

Tempo fa mi ero attribuito, forse con un eccesso di presunzione, la qualifica di difensore civico della nostra comunità.

Tuttavia, l’ho portato avanti, con i limiti delle mie possibilità, opponendomi con forza alle tante angherie cui sono sottoposti i cittadini da parte di alcune istituzioni e contrastando pubblicamente le forze del malaffare.

In relazione a quanto sta avvenendo nella nostra città e alla deformazione informativa totale dei tratti essenziali della sua amministrazione, voglio, ancora una volta, assumermi la responsabilità di rilevare alcune anomalie paradossali e pericolose….

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Crescent, udienza di fuoco. I giudici del Tar: “La decisione tra dieci giorni”

Pubblicato in 20 ottobre 2011 da Redazione
Sua cementità il Crescent

Sua cementità il Crescent

Ancora dieci giorni di attesa e poi si conoscerà il verdetto del Tar di Salerno sul Crescent. A comunicarlo è stato, questa mattina, il Presidente Onorato in avvio di udienza. “Abbiamo letto tutte le carte, tra una decina di giorni decideremo”, ha esordito, sperando probabilmente che gli interventi degli avvocati di parte presenti fossero sintetici.

Così non è stato: per quasi due ore i legali di Italia Nostra (Oreste Agosto), del Comune (Antonio Brancaccio) e della Crescent srl (Felice Lentini) se le sono date, metaforicamente parlando, di santa ragione. La materia dello scontro sta tutta nei ricorsi 1667/2009, 452/2010, 867/2010, 1318/2010, 1664/2010 relativi al progetto ed al silenzio assenso della Sovrintendenza, alle procedure di sdemanializzazione dell’area di Santa Teresa ed al bando per la cessione dei diritti edificatori.

L’ultimo, il 1373/2011, riguarda il permesso a costruire. Insomma una montagna di carte. Ad aprire le ostilità è stato l’avvocato Agosto di Italia Nostra secondo cui le eccezioni presentate dalla contro parte non avrebbero fondamento, evidenziando ancora una volta le anomalie relative all’autorizzazione paesaggistica (“la Sovrintendenza chiede i rendering ed il Comune invia sette foto di un plastico”), la mancanza del parere dell’Autorità di Bacino sulle singole opere effettuate o da effettuarsi, quali la deviazione del Fusandola, la palificazione delle fondamenta del Crescent e gli studi sulle dinamiche meteo marine dell’area.

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare