StraordinarioMan vola sull web con Abitare: Esse come Salerno o Sindaco?

Prima pagina on line di Abitare

Prima pagina on line di Abitare

Il "nostro" StraordinarioMan

Il "nostro" StraordinarioMan

VIGNELLI A SALERNO

di Mario Piazza

(Abitare, 10/01/2012, link all’articolo…)

Il nuovo progetto di marchio per la città di Salerno sta scatenando un notevole dibattito e un certo disagio, visto che l’autore è uno dei maestri riconosciuti della grafica mondiale: Massimo Vignelli.

In effetti l’imbarazzo, osservando gli elaborati visibili on-line, è più che giustificato. Se questo segno fosse stato disegnato da un giovane studente o da un ignoto professionista sarebbe stato “demolito” totalmente dalle critiche.

C’è da dire che il vezzo del giudizio lapidario è una pratica molto presente e si agita fra una comunità, quella dei grafici, che ha una forte inclinazione egotista. Ma indubbiamente il segno proposto da Vignelli appare molto debole.

Una semplificazione formale, certo uno dei dogmi del modernismo, che qui appare espressione di una modesta e superficiale qualità comunicativa. Soprattutto perché conclama nel suo essere ad ogni costo sigillo un esercizio di autorità, quindi una espressione di separatezza.

Richiama a sé un tutto che è impossibile a farsi, se il segno comunicante non è aperto e disposto ad accogliere gli infiniti umori di una città, come luogo fisico e antropico e come civitas.

La schematicità descrittiva – “S” per Salerno, l’azzurro per il cielo e il mare – è davvero un tutto e un niente. Può andar bene per qualsiasi città mediterranea il cui nome inizi con esse. E poi perché usare il Bodoni, fosse stata Parma avrebbe una sua giustificazione, avrebbe dipanato un senso. Qui appare un esercizio dettato da un “pre-giudizio”, un assioma, un assoluto da non discutere. Progettare un brand per una città è oggi forse una delle questioni più complesse ed articolate.

E le ricerche più interessanti sono sui sistemi comunicativi multiverso, capaci di introiettare gli assetti di un territorio e di sviluppare una modalità colloquiale. Il segno deve essere un dispositivo di narrazione, il propulsore di una lingua dedicata, l’educatore di una nuova scrittura, non può più essere il sornione e algido sigillo. Ce lo insegna l’istintuale e poetico “I (love) NY” di Milton Glaser o lo strutturato e informale”I amsterdam” di KesselsKramer.

Forse allora la “S” di Salerno è meglio usarla come “S” di Sindaco.

ABITARE (WIKI)

Il nuovo SuperEroe di Salerno

Il nuovo SuperEroe di Salerno

Bicienzo e Vignelli: $traordinarioMan l’ammazza crisi brucia 200 mila euro (LEGGI TUTTA LA STORIA)

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Tags: , ,

6 Responses to "StraordinarioMan vola sull web con Abitare: Esse come Salerno o Sindaco?"

  • paolino says:
  • zanardi says:
  • Lucia C says:
  • carlo parente a nessuno says:
  • Redazione says:
  • carlo parente a nessuno says:
Leave a Comment

*