L’ultimo saluto dei salernitani ai 5 platani di Santa Teresa

buona DSCF9103UNA FAVOLA PER RICORDARLI (leggi)

Hanno preso la parola in tanti. E in tanti, megafono alla mano, in una domenica sera salernitana di “shoppppping” frenetico e traffico selvaggio, hanno reso l’ultimo saluto ai Magnifici 5 platani di Santa Teresa. Ancora increduli per quanto accaduto, come quando si perde una persona cara, con un forte senso di smarrimento.  Ad una ad una si sono accese le candele  mentre tutto intorno code disperate di automobilisti erano in estenuante ricerca del parcheggio. Da una parte parole e fuoco, dall’altra gas di scarico e “smadonnamenti” vari.  Quel maledetto parcheggio che ha decretato la  morte dei 5 platani, quel mega parcheggio di piazza della Libertà che non ha saputo rinunciare a un po’ di spazio per lasciarli vivere, quell’Ego-parcheggio che se li è mangiati.

E’ stata una serata intensa, carica di emozioni. Chi non ha sentito la necessità di esserci ha perso una grande occasione, chi c’era ha testimoniato il proprio amore per Salerno, per la città, per le sue radici più profonde, quelle che, come hanno ricordato in tanti, erano sopravvissute ad un paio di guerre mondiali, terremoti, alluvioni e devastazioni cementizie varie. Radici forti, radici vere, viscerali.

Inutile dirlo, assente ingiustificata, la maggioranza della stampa salernitana, di telecamere neanche l’ombra. Un sentito grazie alla Città di Salerno ed a Cronache del Mezzogiorno, gli unici presenti a fare il loro lavoro di cronisti.  Tutti gli altri hanno “potato”!

LE FOTO DELLA SERATA (Foto 1, foto 2, foto 3, foto 4, foto 5, foto 6, foto 7, foto 8, foto 9)

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

8 Responses to "L’ultimo saluto dei salernitani ai 5 platani di Santa Teresa"

  • Zanardi says:
  • Claudio C says:
  • Capitan Uncino says:
  • flo says:
  • LA VERITA' E' DURA says:
  • Zanardi says:
  • CARIE says:
  • zanardi says:
Leave a Comment

*