Le “balle” in Liberta’ del sindaco su Piazza della mostruosita’

mezza piazza della libertà

HPIM4417Più che una conferenza stampa, quella di ieri messa su dal sindaco di Salerno è stata una conferenza “balla”, soprattutto per quanto riguarda piazza della Libertà, ovvero piazza della Mostruosità.  Tralasciando lo pseudo programma di opere per San Matteo, per lo più rifacimenti di marciapiedi e rotatorie, oltre che finte inaugurazioni di opere che il giorno dopo saranno nuovamente un cantiere (vedi Cittadella giudiziaria, Stazione Marittima e centro di Compostaggio), quello che meraviglia di più è come si insista a raccontare balle sull’opera magna, quella che dovrebbe cambiare la storia della città. Ed allora facciamo un po’ di chiarezza.

Balla numero 1, “i parcheggi sono interrati” (vedi Foto): bisogna essere orbi o addirittura ciechi per continuare a sostenere che i parcheggi di piazza della Mostruosità sono interrati. I salernitani possono vedere facilmente il mega solaio di cemento a copertura, alto circa 5 metri. Interrato non c’è nulla, se non la verità, eppure gran parte della stampa locale continua a riportare questa enorme balla. I parcheggi non sono interrati, sono rialzati. I ciucci non volano, anche se qualcuno si ostina a ripetere il contrario.

Balla numero 2, “la spiaggia di Santa Teresa sarà tre volte più grande” (vedi foto): Questa è davvero enorme, anche in questo caso la realtà dei fatti è lampante: mezza spiaggia ora è ricoperta di cemento. Lì dove c’era la sabbia, lì dove i salernitani facevano il bagno e giocavano a pallone ci sarà un pezzo di piazza e un mini prolungamento del lungomare assolutamente inutile alla collettività (guarda foto gallery). Inoltre quest’inverno il mare metterà a dura prova la barriera di scogli messa a protezione della Piazza: vedremo chi avrà la meglio.

Per quanto riguardo un eventuale quanto improbabile ripascimento di tutto il Lungomare, chiedere ai cittadini di Via Leucosia che aspettano da dieci anni le barriere frangiflutti con relativo ripascimento.

Balla numero 3: “giardini sotterranei e mega palme”: Più che una balla questa è proprio una presa per il culo: i 5 platani secolari (vedi fotogallery strage dei Platani) gridano ancora vendetta, erano lì da oltre cento anni, le loro chiome raggiungevano circa a 30 metri d’altezza, uno spettacolo della natura. Non avevano diritto a vivere: in cambio i salernitani avranno qualche palma: bell’affare per la collettività.

Balla numero 4: “sposteremo la Movida in piazza della Libertà”. Secondo voi, uno che compra un appartamento al Crescent spendendo circa un milione di euro quanto tempo ci mette a prendere un fucile e sparare sulle casse stereo dei locali sottostanti che sparano musica a palla fino alle 4 del mattino? Zero secondi.  E se non spara, chiama i carabinieri, o comincia a buttare secchiate d’acqua, se vuole essere gentile, giù per i balconi. Il sonno è un diritto di tutti, anche dei futuri proprietari della case del Crescent.

Infine chiudiamo con le visite guidate al cantiere e sui concerti in programma. Qui siamo al grottesco puro: in primo luogo esiste una legge, la 626, relativa alla sicurezza nei cantieri per tutelare sia chi vi lavora sia chi deve rimanere lontano dall’area di lavoro. Inoltre non siamo allo zoo o al circo Togni e gli operai non sono animali da guardare mentre buttano il sangue tra cemento, polvere, cavi, ferri e macchinari. Dove sono i sindacati, cosa dicono i sindacati che hanno in gestione il cantiere? Tacciono per la vergogna, probabilmente.

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Comment

*