I milanesi della Sist puntano al colpo grosso: il Crescent è tutto nostro!

pagina 1

Jolly hotel4

ECCO IL TESTO DELLA CITAZIONE CONTRO IL COMUNE DI SALERNO (leggi)

Chi si aspettava la posa della prima pietra del Crescent in tempi rapidi, e naturalmente in pompa magna, dovrà pazientare e non si sa bene per quanto tempo ancora.  Ad oltre un mese dalla decisione del Consiglio di Stato sull’asta dei diritti edificatori favorevole all’Ati Rcm, tutto tace, o meglio quasi tutto tace. Non tace infatti Sist, la srl milanese che ha citato in giudizio lo scorso mese di agosto il Comune di Salerno: Sviluppo Immobiliare Santa Teresa, che di sicuro detiene quasi 4 mila metri quadri del futuro Crescent (30% in appartamenti e 70% in attività commerciali) gioca al rialzo e punta a fare suo tutto il “cucuzzaro”, vantando, a suo dire, un diritto di prelazione sull’intera area dove dovrebbe sorgere il mega condominio.  Naturalmente sarà il tribunale di Salerno a stabilire la verità.

La società dell’abile “business man” Maurizio Nicola Dattilo, controllata da Fondazione Cassa di Risparmio Bologna, Spafid srl (Mediobanca) e Gestifin spa (di proprietà dell’altro Dattilo, il “gemello” Nicola, nato anche lui il 19/03/63) si fa forte dell’articolo 14 del regolamento per l’alienazione del patrimonio immobiliare adottato il 4 luglio 2008 dal Comune di Salerno per chiedere un diritto di prelazione sulla totalità dei diritti edificatori.

Non solo, sempre secondo Sist, tale diritto era stato espressamente previsto nel verbale della Conferenza dei Servizi siglato il 21 dicembre 2007 tra i proprietari degli immobili ricadenti nel comparto Cps_1, quello del Crescent. Il Comune, inoltre, in altre circostanze simili, vedi vendita diritti edificatori in località Pastificio Amato e S.Angelo di Ogliara, “aveva sempre riconosciuto tale diritto di prelazione a favore dei soggetti attuatori dei comparti”, fanno sapere quelli di Sist che a più riprese, con ben due raccomandate (il 29/12/2009 ed il 19/02/2010) avevano inutilmente chiesto a Palazzo di Città di inserire tale diritto nell’avviso di asta pubblica relativo al Crescent. Cosa che l’amministrazione comunale non ha fatto impedendo a Sist di poter fare sua, corrispondendo il prezzo di vendita scaturito dall’asta, l’intera area del Crescent.

Secondo i legali della società di Dattilo, questo avrebbe arrecato un enorme danno economico alla Sist, secondo cui il valore di mercato del Crescent, relativo alla sola quota dei diritti edificatori posti a base d’asta, sarebbe di 116 milioni di euro. In caso di mancata retrocessione del bene, dovuto al mancato espletamento del diritto di prelazione, Sist  chiede al tribunale di Salerno di condannare il Comune a un risarcimento da capogiro: 13 milioni e 600 mila euro.

Non c’è che dire, siamo in presenza di un puzzle giuridico finanziario notevole. Da una parte c’è l’abile Sist che, dopo aver comprato per appena 160 mila euro da Salid spa l’ex Jolly hotel, ora punta al colpo grosso (tutto il Crescent) e in subordine a circa 14 milioni di euro di ristoro, ovvero l’equivalente del mutuo che tutt’ora grava sulla proprietà del fu Jolly.

Se il tribunale dovesse accogliere solo la richiesta di ristoro, la società di Dattilo azzererebbe le passività grazie ai soldi dei contribuenti salernitani e comunque si ritroverebbe proprietaria del 20% del Crescent. Dall’altra parte c’è l’Ati Rcm, vincitrice dell’asta per i diritti edificatori, titolata a costruire comunque la sua parte del Crescent. In mezzo il Comune di Salerno, anzi i salernitani sulle cui tasche potrebbero gravare le conseguenze economiche di un’operazione edilizia a dir poco spericolata.

L’udienza provvisoria è fissata per il 22 dicembre, anche se sicuramente slitterà al 2011. La posa della prima pietra del Crescent può attendere e con questi chiari di “mezza luna” diventa difficile prevedere quanto ciò avverrà. E soprattutto se avverrà…

L’INCHIESTA DEL NO VELA SULL’EX JOLLY HOTEL: LEGGI LE 5 PUNTATE PRECEDENTI

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

13 Responses to "I milanesi della Sist puntano al colpo grosso: il Crescent è tutto nostro!"

  • carlo parente a nessuno says:
  • carlo parente a nessuno says:
  • SOLOXSALERNO says:
  • SOLOXSALERNO says:
  • carlo parente a nessuno says:
  • Mauro @Carlo @solo says:
  • SOLOXSALERNO says:
  • Redazione says:
  • carlo parente a nessuno says:
  • SOLOXSALERNO says:
  • SOLOXSALERNO says:
  • Redazione says:
  • carlo parente a nessuno says:
Leave a Comment

*