Archive for gennaio, 2011

L’Onlus Zona Orientale denuncia:”Il nostro mare consegnato ai privati”

31 gennaio 2011
Una riunione dei residenti di Mercatello

Una riunione dei residenti di Mercatello

Al Procuratore Generale della Repubblica di Salerno

Al Procuratore Generale della Corte dei Conti Napoli

Oggetto: demanio marittimo salernitano – concessioni stabilimenti balneari Miramare Arenella Beach  – : integrazione atti denuncia Procura della Repubblica.

I cittadini di Mercatello vogliono evidenziare che il perpetuarsi di illiceità nella gestione dei beni demaniali è teleologicamente orientato a favorire l’interesse privato ed a sottrarre loro “il pubblico uso del mare”;

I cittadini di Mercatello, ora costituitisi in associazione Salerno Zona Orientale Onlus, prostrati dal degrado in cui versa il litorale prospiciente il loro quartiere, ad integrazione della denuncia protocollata in Procura il giorno 16.07.2010, a sostegno di quanto in essa affermato ed in ausilio degli organi competenti agli accertamenti, producono la seguente documentazione:

MIRAMARE

  • testimoniale di Stato del 06.09.1983 relativo stato di consistenza della concessione originaria; all.1
  • ingiunzione di sgombero n. 94 del 10.06.1996 della Capitaneria di Porto di Salerno per abusi edilizi; all.2
  • estratto del ricorso al TAR n. 2519 del 25.10.1996, per l’impugnativa dell’ingiunzione di cui al punto precedente, nel quale lo stesso concessionario proponente invocava, sia pur a sua difesa,

una verifica della consistenza delle opere demaniali da parte degli organi pubblici competenti mai avvenuta nei 15 anni successivi!! all.3

  • ordinanza sindacale n. 424 del 26.10.1996 ( il giorno successivo alla proposizione del ricorso da parte del privato concessionario ), di demolizione strutture abusive effettuate sullo stabilimento Miramare; all.4
  • concessione n. 251 del 1998 Giunta Regionale Campania contenente precisi e dettagliati obblighi/condizioni del rapporto concessorio; all.5
  • atto di subingresso n. 2 del 01.08.2008 con cui il Comune di Salerno autorizzava il subingresso della New Arenella Beach s.r.l. di Serritiello Alberto alla Arenella Beach s.a.s. di Arenella Arturo ( cessione espressamente vietata dal provvedimento concessorio ); all.6
  • autorizzazione del 30.03.2009 rilasciata dell’Ufficio Demanio e Patrimonio del Comune di Salerno a lavori di straordinaria manutenzione e risanamento conservativo dello stabile Miramare ( sempre su DIA redatta dal tecnico di parte  arch. gen. prot. n. 35674 del 03.03.2009 e mai seguita da accertamento da parte degli uffici comunali ); all.7
  • denuncia dettagliata del 09.07.2009 con cui i cittadini di Mercatello evidenziano l’illegittimità dell’intervento e il paventato abusivismo delle strutture; all.8
  • nota  dell’ Ufficio Trasformazioni Urbanistiche del Comune di Salerno datata 20.07.2009 in cui si attesta che l’Ufficio Verifiche di Conformità ha effettuato gli adempimenti di propria spettanza  non rilevando difformità ( dopo circa quattro mesi dal rilascio dell’autorizzazione di cui ai punti precedenti, dopo la denuncia da parte dei cittadini e salvo modifica avvenuta con delibera di Giunta Comunale n. 541 dieci mesi dopo di cui ai punti successivi; si rileva inoltre che, come di prassi, l’atto autorizzativo a lavori di straordinaria manutenzione rilasciato dall’Ufficio Demanio e Patrimonio, pur avendo quest’ultimo competenze squisitamente giuridiche, non sia preceduto, né in esso si faccia riferimento, ad alcun atto prodromico o endoprocedimentale proveniente dagli organi a natura eminentemente tecnica del Comune. A riconferma di tali dubbi il parere di regolarità tecnica sulla delibera di G.C. n. 541 del 07.05.2010 ( di “regolarizzazione ex post” è invece reso dall’Ufficio Trasformazioni urbanistiche    ); all.9
  • a fine luglio 2009 viene disposto dalla Procura della Repubblica di Salerno il sequestro della struttura;
  • interrogazione sindacale dell’11.09.2009 da parte di un consigliere comunale da cui si evince la piena consapevolezza e conoscenza della situazione di illegittimità e degrado da parte della IX Commissione Ambiente del Comune di Salerno; all.10
  • decreto TAR Campania sez. Salerno ( preannunciato il 30.10.2009 e depositato il 26.05.2010 ) di perenzione, per mancata richiesta di fissazione d’udienza, del giudizio avente ad oggetto l’annullamento dell’ordinanza sindacale di demolizione n. 424/96; all.11
  • delibera di Giunta Comunale n. 541 del 07.05.2010 di variazione della categoria di intervento edilizio per consentire la ristrutturazione edilizia, senza possibilità di rilievi di illegittimità da parte dei cittadini, per pericolo di perimento,  ( giusta causa di revoca della concessione secondo le disposizioni di cui al punto 9 e seguenti della concessione originaria n. 251/98) dell’edificio-stabilimento Miramare; all.12
  • richiesta datata 11.06.2010 dei cittadini di Via Leucosia, relativo all’ incontro tra gli uffici comunali ed i cittadini di Via Leucosia tenutosi il 05.06.2010; all.13
  • relazione descrittiva dettagliata ed excursus storico della gestione dello stabilimento MIRAMARE prodotto agli organi comunali competenti dai cittadini di Mercatello in sede di riunione ufficiale  in data 19.06.2010; all.14
  • pen drive contenente immagini della situazione attuale prova evidente dei gravissimi inadempimenti agli obblighi concessori mai contestati dall’amministrazione; all.15
  • si segnala che in data 16.07.2010 nella riunione convocata presso gli uffici comunali i privati, hanno prodotto progetto di “sistemazione dell’area”così come preannunciato nella riunione del 30.06.2010 e sollecitato dal Direttore staff Sindaco ( si allega copia del verbale della riunione tenutasi nella residenza municipale il 30.06.2010 ); all.16

ARENELLA BEACH

  • testimoniale di Stato del 29.05.1978 relativo stato di consistenza della concessione originaria; all.1
  • concessione n. 249 del 1998 Giunta Regionale Campania contenente precisi e dettagliati obblighi/condizioni del rapporto concessorio; all.2
  • allegato n. 01 alla concessione demaniale n. 8/02 ( di rinnovo concessione ) del Comune di Salerno da cui si evince che la computazione delle superfici in uso sul demanio marittimo è totalmente delegato al tecnico di parte e mai sottoposto ad accertamento da parte dell’ente pubblico; all.3
  • atto di subingresso n.2 del 2004 ( rep. n. 64 ) con cui il Comune di Salerno autorizzava il subingresso della New Arenella Beach s.r.l. di Serritiello Alberto alla Arenella Beach s.a.s. di Arenella Antonio; ( cessione espressamente vietata dal provvedimento concessorio ); all.4
  • dichiarazione ( 15.12.2004 ) da parte del Direttore settore Avvocatura di inagibilità strutture dissestate e pericolanti ( giuste cause di revoca della concessione secondo le disposizioni di cui al punto 9 e seguenti della concessione originaria n. 249/98; si segnalano i soliti dubbi in ordine alla competenza del Settore Avvocatura su questioni eminentemente tecniche ) all.5
FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare
FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Posted in Via Leucosia e il Fronte mare No Comments »

Nuovo dossier in procura su Miramare ed Arenella: “Giù le mani dalle spiagge”

31 gennaio 2011

Miramare Salernovia leucosia distrutta

I DOCUMENTI E GLI ATTI CONSEGNATI AGLI INQUIRENTI DALL’ONLUS SALERNO ZONA ORIENTALE (leggi)

Secondo dossier in procura! Gli ex Via Leucosia, oggi cittadini attivi associati nella Onlus Salerno Zona Orientale Cittadinanza attiva, hanno presentato venerdì 28 gennaio alla Procura di Salerno ed a quella della Corte dei Conti una corposa integrazione di atti che si vanno ad aggiungere alla prima già dettagliata denuncia consegnata lo scorso mese di luglio. In seguito alla prima denuncia gli inquirenti hanno avviato un’indagine che lo scorso mese di dicembre ha portato ad acquisire documenti presso l’Ufficio del Demanio.

Al centro della battaglia dei mercatellesi ci sono gli stabilimenti balneari Miramare e Arenella Beach!

Il primo, il Miramare, è un rudere fatiscente prossimo al crollo: l’Amministrazione comunale ha lasciato che andasse perento il ricorso al Tar per l’annullamento dell’ordinanza sindacale ( n. 424 del 26.10.1996, a firma di Vincenzo De Luca ) con cui  lo stesso Comune ordinava  la demolizione degli abusi perpetrati sulla struttura Miramare (non è stata fatta istanza di udienza ).

Siamo in presenza di atti quanto meno contradditori tra loro, per essere gentili: l’Amministrazione infatti riceveva dal concessionario (Alberto Serritiello) istanza di variazione della categoria di intervento edilizio sull’immobile Miramare e, immediatamente dopo la scadenza dei sei mesi dal preavviso di perenzione (il 30.04.2010, che tempismo ), con la delibera di giunta n. 541 (07.05.2010) l’accoglieva! Una inversione ad U da ritiro della patente per parte del Comune rispetto al 1996.

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Posted in Via Leucosia e il Fronte mare 5 Comments »

Crescent ingombrante ma ineluttabile! Miccio: povera spiaggia Santa Teresa

20 gennaio 2011
Spiaggia Santa Teresa 2011

Spiaggia Santa Teresa 2011 Dc (dopo Crescent)

Spiaggia Santa Teresa 2009

Spiaggia Santa Teresa 2009 Ac (Ante Cresecent)

Ingombrante e ineluttabile! E’ questo in sintesi estrema il senso dell’incontro che si è avuto questo pomeriggio in Sovrintendenza tra Gennaro Miccio e Lella di Leo di Italia Nostra.  Al termine di oltre un’ora di “cortese” faccia a faccia tra il Sovrintendente e la responsabile dell’associazione ambientalista si è arrivati all’amara costatazione che il Crescent, per quanto “ingombrante”, ormai sembri diventato anche ineluttabile. Il sovrintendente ha aggiornato Italia Nostra sul risultato dell’indagine ministeriale condotta sulla procedura relativa al mega condominio sponda mare: secondo gli ispettori mandati da Roma la procedura sarebbe corretta. Lella Di Leo ha chiesto di poter comunque accedere alla relazione per esaminarla nel dettaglio.

Italia Nostra confida nel ricorso pendente dinanzi al Tar di Salerno, ricorso che purtroppo è stato rinviato a dopo le elezioni comunali, nonostante l’associazione avesse ottenuto dai giudici l’istanza di prelievo per anticipare a febbraio la fissazione dell’udienza per una decisione nel merito.

Durante l’incontro il Sovrintendente Miccio, oltre a ribadire le sue perplessità sulla dimensione del Crescent, ha anche amaramente evidenziato “la gravità della perdita di buona parte della spiaggia di Santa Teresa”.

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Posted in No Crescent No Comments »

Ricorso Crescent, il Tar frena e rinvia il “Giorno del giudizio” a dopo le comunali

19 gennaio 2011
ricorso Crescent rinviato a giugno 2011

ricorso Crescent rinviato a giugno 2011

Il Sovrintendente Gennaro Miccio

Il Sovrintendente Gennaro Miccio

DOMANI INCONTRO TRA IL SOVRINTENDENTE  MICCIO E DELEGAZIONE DI ITALIA NOSTRA

Noi salernitani andremo a votare a maggio per il nuovo sindaco della nostra città senza conoscere la decisione nel “merito”dei giudici del Tar sul progetto Crescent. Noi salernitani ci troveremo soli, nel segreto dell’urna, con la scheda elettorale davanti, senza un giudizio, nel bene o nel male, sul progetto che maggiormente ha condizionato l’operato di questa amministrazione. Ci troveremo senza un giudizio sul luogo che un giorno potrebbe custodire le sacre spoglie dell’illuminato di Porta Nova, Re Sole Bicienzo I° da Ruvo dal Monte, come da sue volontà espresse anni addietro alla stampa locale.

L’istanza di prelievo ottenuta da Italia Nostra lo scorso mese di novembre, per anticipare la fissazione dell’udienza nella discussione nel merito del ricorso presentato contro l’Ecomostro di Santa Teresa, non ha sortito gli effetti sperati.

I giudici del Tar hanno deciso infatti di rinviare il tutto a dopo le elezioni amministrative, lasciando noi salernitani tra “color che son sospesi”. L’udienza, che si sarebbe dovuta tenere tra febbraio e marzo, slitta all’estate 2011. Inutile scomodare Ponzio Pilato, inutile invocare cuor di leone che non ci sono, inutile recriminare sui tempi della giustizia in Italia.Tutto inutile … “E’ la giustizia… bellezza!!!”

Domani, intanto il neo Sovrintendete Gennaro Miccio incontrerà alle 15 una delegazione di Italia Nostra per discutere del Crescent. Il buon Miccio, fresco di nomina a Sovrintendente, dopo il pensionamento di Zampino, meglio noto come “Peppe u’ silenzio assenso” , ha definito il Crescent “ingombrante”.  Ha anche aggiunto, mettendo le mani avanti,  che i controlli ministeriali sulla pratica Crescent hanno dato esito positivo…”Insomma tutto bene, madama la marchese”.

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Posted in No Crescent 1 Comment »

A Santa Teresa sbarca la nave della libertà: via un altro spicchio di mare

14 gennaio 2011

IMG_4919waIMG_4912wa

Ci mancava solo la nave della libertà. Questa volta l’attacco a Santa Teresa viene via mare, dopo le devastazioni avute via terra nell’ultimo anno. Da un paio di giorni la nave “Stella” scarica massi nei pressi della nuova barriera realizzata per proteggere la piazza dalle mareggiate.  Di fatto sono iniziati i lavori di riallineamento della scogliera esistente nello specchio acqueo di Santa Teresa antistante gli ex cantieri navali. Il vecchio braccio del porticciolo già esistente verrà allargato ed irrobustito. Ad eseguire l’intervento è una ditta di San Sebastiano al Vesuvio (Na). Si tratta della Mollo Costruzioni S.n.c. di Mollo Salvatore Acquedotti Edili Marittimi che ha fatto suo il bando agostano (inizio 27 luglio, scadenza 30 agosto) dell’autorità portuale. Il costo si aggira sui 900 mila. Nel dettaglio l’intervento prevede la realizzazione di una scogliera frangiflutti emergente di 3,0, della lunghezza di 145 m.

Insomma la linea di costa salernitana subirà un’ulteriore modifica, dopo quella avvenuta con la posa delle barriere di protezione di piazza della Cementità che si sono mangiate mezza spiaggia di Santa Teresa (vedi foto).

Ci domandiamo se nel clamoroso silenzio assenso della Sovrintendenza sul progetto Crescent e piazza della Libertà rientri anche la modifica della linea di costa o se per effettuare questi interventi a mare non sia necessario una ulteriore autorizzazione dalla Sovrintendenza.

FacebookTwitterLinkedInMySpaceGoogle GmailHotmailYahoo MailShare

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Posted in No Crescent 10 Comments »